Cosa fare in caso di incidente

Sono sempre più numerose le persone che provocano incidenti stradali con le quali poi è difficile mettersi d’ accordo per il risarcimento dei danni subìti.

Sui giornali vengo riportate a volte notizie riguardanti liti in occasione di incidenti stradali per non volersi assumere, da parte di chi ha commesso il fatto, le proprie responsabilità

Riportiamo un interessante articolo apparso su Quattroruote che ci informa quali sono i nostri diritti, ma anche i nostri doveri in caso di incidente.

COSA DICE IL CODICE 1776429.jpg

L’articolo 189 del Codice della strada obbliga i conducenti dei veicoli che hanno causato un incidente a fermarsi e prestare soccorso agli eventuali feriti.

Se chi ha causato l’incidente non ottempera a questo obbligo, rischia 259 euro di multa e la sottrazione di quattro punti dalla patente se i danni causati sono lievi; 259 euro di multa, la sottrazione di dieci punti dalla patente e la sua sospensione da quindici giorni a due mesi se i danni cagionati sono tali da rendere necessaria la revisione straordinaria del veicolo (per ciclomotori e motoveicoli è previsto il sequestro).

Decisamente più severe le pene in caso di lesioni: l’automobilista che dopo aver causato un incidente non si ferma rischia la sospensione della patente da uno a tre anni e commette un reato di competenza del tribunale.

In base alla legge 72/2003, è prevista la reclusione da tre mesi a tre anni e l’arresto immediato in flagranza di reato. Se, pur fermandosi, non presta assistenza ai feriti, rischia la sospensione della patente da 18 mesi a cinque anni e la reclusione da sei mesi a tre anni.

Dopo aver prestato soccorso agli eventuali feriti, è necessario valutare se i veicoli incidentati si trovino in una posizione pericolosa per chi sopraggiunge o che intralcia il traffico e spostarli immediatamente, pena una multa di 74 euro (meno due punti sulla patente), che non si applica solo se i mezzi sono talmente danneggiati da poter essere spostati solo col carro attrezzi: in tutti gli altri casi, chi si ostina a tenere i veicoli nella posizione originaria in attesa che arrivino le forze dell’ordine per ricostruire le responsabilità dell’incidente va incontro alla multa.

Lo stesso articolo 189, obbliga chi è coinvolto in un tamponamento a fornire le proprie generalità e le altre informazioni utili, anche per il risarcimento, alle persone danneggiate. Altrimenti, si rischia di pagare una sanzione di 74 euro con sottrazione di due punti dalla patente.

Annunci

Pubblicato il 8 febbraio 2008 su Assicurazioni, Bonus Malus, Ciclomotori, Cid, Codice della Strada, Codice delle Assicurazioni, Incidenti, Indennizzo diretto, Legale, legge 40 bersani, Motocicli, Patentino, polizze auto, Rc Auto, Sicurezza stradale. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 7 commenti.

  1. buonasera volevo porre questa domanda:
    due persone vengono coinvolte in un incidente e tutte e due sporgono querela luno verso laltro (la prima persona a la colpa al 100% la seconda ha il 30%perche ha avuto l’aticolo 140/1 velocita non prudenziale)in piu depongono gli atti ad un giudice di pace!
    in questo caso c’è la confisca o il fermo del mezzo finche il processo non finisce???
    grazie per la vostra attenzione
    roberto

  2. salve
    facendo retro con la macchina ho preso uno con una macchina di vent anni io ho fatto marcia avanti con la macchina per fermarmi al primo posto libero. Lui ostinava a insistere che io scappavo, cosa ovviamente non vere(dato che so per certo che è reato).Inizialmente voleve 100 euro poi non ha voluto nulla, tra l’altro danni sulla sua macchina non ne aveva (la mia aveva già subito un bollo sul retro causa manovra garage di casa). Egli trasportava tantissima legna nella auto(è legale?????) premetto non avesse la visuale. Lui mi ha lasciato andare e non ha voluto nulla. La mia paura è da ragazza di vent’anni può tornare indietro e fara casino?

    • Per Soraya

      Da come descrive l’ accaduto la responsabilità del fatto è completamente sua, indipendentemente da ciò che trasportava la controparte. E’ compito di ognuno verificare in fase di retromarcia che nell’ area di azione non sosti o transiti nessuno per evitare che accadano incidenti.
      Se la persona che ha danneggiato le chiedesse ancora del denaro lei rifiuti categoricamente e compili la constatazione amichevole di danno che trasmetterà alla sua compagnia di assicurazione per la valutazione del danno.
      Sappia che in caso di danno minimo, ovvero che la sua assicurazione paghi un importo irrisorio, è sua facoltà prima della scadenza annuale della polizza “restituire” detto importo per evitare il malus. Per questo verrà informata adeguatamente prima della scadenza con una comunicazione che perverrà dalla CONSAP delegata a gestire il recupero degli importi per conto delle compagnie

  3. salve. in un tamponamento lieve dovuto interamente alla colpa di un guidatore A, i due interessati decidono di non mettere di mezzo le assicurazioni. il guidatore A convince il guidatore B, che ha subito il danno, a farsi pagare i danni in contanti. Il guidatore B accetta la proposta del guidatore A. il guidatore B va dal suo meccanico per far vedere la propria macchina ma poi presenta al guidatore A un preventivo esagerato x i danni subiti. il guidatore A chiede allora al guidatore B di far vedere la macchina danneggiata ad un meccanico di fiducia del guidatore A ma il guidatore B si rifiuta di far vedere la sua macchina al meccanico di fiducia del guidatore A. Può il guidatore B rifiutarsi di far controllare la propria macchina al meccanico di fiducia del guidatore A? Come può il guidatore A evitare un’evidente furbata ed una speculazione a sue spese? Dato che è il guidatore A a dover pagare i danni, visto che la colpa è sua, può pretendere di far aggiunstare la macchina del guidatore B dal meccanico che vuole lui e non da quello del guidatore B?

    • Sicuramente la scelta di entrambi le parti non è stata la migliore. Il proprietario del veicolo che ha causato il sinistro non è tenuto a far visionare la sua auto a persone diverse da quelle previste dalla legge 990 legge obbligatoria di assicurazione dei veicoli a motore, che sono periti iscritti al Rui e quindi autorizzati dall’autorità. Tutti gli altri soggetti possono essere facoltativamente approvati o disapprovati da coloro che devono risarcire un danno.
      Meglio avrebbero fatto a ricorrere all’assicurazione anche per gestire eventuali divergenze che in effetti sono emerse puntualmente. e pagato il sinistro il responsabile del danno potrebbe valutare se pagare il malus o rifondere l’importo del sinistro alla compagnia e mantenere la sua precedente classe di merito.
      Sconsiglio quando il sinistro non presenta motivi di convergenza tra le parti di ricorrere a questo tipo di comportamenti che risultano conflittuali e di parte.

  4. Salve, ho avuto un incidente con la macchina in un primo momento, l’altro conducente voleva firmarmi il CID poi parlando con la sua assicurazione ha deciso di evitare.
    IO ho un testimone dell’incidente e visto le risposte che mi hanno dato le assicurazioni.
    Ho deciso di mette un avvocato esterno.
    Se perdo la causa sarò io a dover pagare tutto???Spese degli avvocati e rimborso??
    Ho il rimborso spetta all’assicurazione visto che sono assicurato?

  1. Pingback: Cosa fare in caso di incidente « Studio Legale Mei & Calcaterra

E' gradito un tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: